Bullismo e cyberbullismo: risoluzione presentata dal gruppo Pd chiede un tavolo di confronto permanente per monitoraggio e supporto al contrasto.

Un tavolo di confronto permanente al fine di monitorare il problema del bullismo in ogni sua forma, creare sinergie tra i vari operatori competenti e poter meglio indirizzare le misure di supporto al contrasto di tale fenomeno. Lo chiediamo in una risoluzione che intende impegnare la Giunta a promuovere e sostenere programmi ed iniziative di sensibilizzazione e informazione rivolte ai bambini della scuola dellai??i??infanzia, della scuola primaria e agli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, nonchAi?? alle loro famiglie, con particolare attenzione alla creazione di modalitAi?? di coinvolgimento e partecipazione per i genitori di fasce sociali deboli e a rischio, e agli insegnanti ed educatori in generale, in ordine alla gravitAi?? del fenomeno del bullismo e delle sue conseguenze.

Alla Giunta chiediamo di attivare un tavolo di confronto permanente al fine di monitorare il problema, creare sinergie tra i vari operatori competenti e poter meglio indirizzare le misure di supporto al contrasto di tale fenomeno. Il bullismo si basa sui principi di intenzionalitAi??, persistenza nel tempo, asimmetria nella relazione ed A? caratterizzato da un comportamento aggressivo, da uno squilibrio di forza e potere nei rapporti e dalla messa in atto di azioni vessatorie di vario genere comprendenti un ampio spettro di comportamenti, che va dalle offese alla derisione, dalle minacce alle aggressioni fisiche, dai ricatti al danneggiamento e alla sottrazione di oggetti di proprietAi??, dalla diffamazione allai??i??esclusione sistematica dal gruppo. A queste forme classiche, si aggiunge il cyberbullismo, che consiste nellai??i??utilizzo intenzionale, sistematico, pianificato e competente degli aspetti tecnici e/o delle dimensioni sociali della rete, per procurare un danno a soggetti individuati come ai???vittimeai??i?? e che si caratterizza in maniera specifica per i criteri di anonimato e diffusione pubblica dei dati.

Nella risoluzione invitiamo, fra lai??i??altro, la Giunta a sostenere percorsi di carattere culturale, sociale o sportivo sui temi del rispetto delle diversitAi??, dell’educazione ai sentimenti e all’affettivitAi?? e alla gestione dei conflitti, della legalitAi??, nonchAi?? dell’uso consapevole della rete e dei new media. Andrebbero poi rafforzati percorsi di rete, si chiede nell’atto, che promuovano forme permanenti di collaborazione con i servizi minorili dell’amministrazione della giustizia, delle prefetture, delle forze dell’ordine, delle Aziende sanitarie locali e degli enti locali.

LEGGI LA RISOLUZIONE: 2689

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *