In Regione una risoluzione sulla Circolare Gabrielli. Tuteliamo gli eventi e il volontariato dei territori.

Alla luce delle preoccupazioni emerse sull’organizzazione degli eventi sul territorio a seguito della Circolare Gabrielli A? doveroso fare chiarezza e promuovere prima dell’estate un incontro, coinvolgendo Prefetture, tecnici e commissioni provinciali competenti, al fine di ottenere un’applicazione coerente sul territorio della normativa ministeriale facilitandone l’applicazione.

Intervengo su un tema scottante che sta mettendo in difficoltA� la realizzazione di numerose sagre ed eventi paesani, proprio con l’arrivo della bella stagione, insieme ad altri colleghi dem ho infatti sottoscritto una risoluzione di Mdp.

Nonostante la volontA� di garantire norme adeguate alla sicurezza A? necessario rendere Comuni e realtA� associative maggiormente consapevoli, oltre a favorire lo svolgimento di eventi nel rispetto delle norme. Inoltre chiediamo alla Giunta in sede di Conferenza Stato-Regioni, di rivalutare la circolare tenendo in considerazione la fattibilitA� degli eventi, soprattutto per iniziative di dimensione ridotta che coinvolgono realtA� locali e ambiti territoriali limitati e che contribuiscono perA? in maniera rilevante ad arricchire l’offerta socio-culturale dei territori.

Il problema A? all’ordine del giorno e la nostra attenzione A? volta proprio a limitare il disagio e l’annullamento di eventi su tutto il territorio. Negli ultimi mesi si A? avuta notizia di moltissimi eventi cancellati su tutto il territorio nazionale e anche nel riminese la realizzazione di alcuni piccoli eventi A? messa a rischio, proprio per ragioni legate ai costi e alla rigiditA� delle norme di sicurezza da rispettare. La sicurezza non deve essere un limite ma un’opportunitA� di crescita. E’ pressochA� impossibile infatti per una realtA� medio-piccola ottenere per gran parte degli eventi un punteggio inferiore ai 15 punti, che garantiscono la soglia di rischio basso. Le circolari richiedono presidi di sicurezza come l’obbligo di affidare il servizio d’ordine a operatori professionisti, delimitare l’area dell’vento con barriere New Jersey, individuare percorsi separati di accesso e deflusso, regolare e monitorare gli ingressi, anche con sistemi di rilevazione numerica progressiva. Costi che possono essere assorbiti solo da un evento di grandi dimensioni o a pagamento, ma che diventano insostenibili per le iniziative che si fondano esclusivamente sul volontariato, fiore all’occhiello dei nostri territori.

Seppur garantendo la sicurezza il nostro segnale politico A? indirizzato a tutela delle feste di paese e di tutti gli eventi a titolo gratuito realizzati da anni dalle associazioni e dai comitati turistici che hanno permesso di rendere vivi i nostri territori.

LEGGI LA RISOLUZIONE:A�6367

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *