PiA? inclusione, lingua dei segni e controlli precoci: dalla Regione aiuti concreti per le persone sorde.

In Emilia-Romagna sono circa 4mila. Screening su oltre il 90% dei neonati. DisabilitAi?? troppo spesso sottovalutata .
Superare le barriere che impediscono alle persone con disabilitAi?? uditiva, circa 4 mila in Emilia-Romagna, di vivere a pieno la loro quotidianitAi?? e di poter accedere a una vita di relazione: dal rapporto con le istituzioni pubbliche al mondo del lavoro, dal tempo libero ai rapporti affettivi. A? lai??i??obiettivo degli interventi messi in campo dalla Regione. Tra i progetti piA? significativi per lai??i??integrazione e il favorire la comunicazione, particolarmente significativi sono quelli di promozione sociale a carattere sperimentale, realizzati in collaborazione con le maggiori associazioni di assistenza ai sordi operanti sul territorio regionale. Si tratta di tre iniziative finanziate nel 2017 con oltre 200 mila euro, e tuttai??i??ora in corso, affidati allai??i??Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi (Ens) e al coordinamento Fiadda (Famiglie italiane associate per la difesa dei diritti degli audiolesi).
In particolare, il progetto realizzato con la sezione emiliano-romagnola dellai??i??Ens prevede lai??i??apertura di sportelli che svolgono attivitAi?? di segretariato sociale per assistere e orientare le persone con disabilitAi?? uditive nellai??i??accesso alla rete dei servizi a loro dedicati. Un secondo progetto prevede la fornitura di servizi di interpretariato nella lingua dei segni (Lis) tramite 33 interpreti scelti e messi a disposizione dallai??i??Ens. Il terzo progetto sperimentale finanziato dalla Regione Emilia-Romagna riguarda la diffusione del servizio di sottotitolazione per non udenti dal titolo ai???Abbattere le barriere della comunicazioneai??? realizzato dallai??i??Associazione genitori con figli audiolesi. Il progetto si rivolge in particolare a tutte le persone affette da sorditAi?? preai??i??verbali (congenite o insorte nei primissimi anni di vita) gravissime, che vivono in Emilia-Romagna e che sono riconosciute come “sordo” in base alla legge 381/70, ma puA? essere utile anche a quanti soffrono di sorditAi?? meno gravi e ai soggetti adulti con sorditAi?? ingravescente, che rischiano di rimanere progressivamente esclusi dalla vita sociale. La Regione Emilia-Romagna continuerAi?? a lavorare per abbattere le barriere alla comunicazione per il riconoscimento della lingua dei segni, nonchAi?? per la prevenzione, la cura della disabilitAi?? uditiva e la diffusione di ogni tecnologia che possa favorire un ambiente accessibile nelle famiglie, nella scuola, nella comunitAi?? e nella rete dei servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *