Riforma dei servizi 0-3: il progetto di legge regionale va avanti.

Una rete di servizi integrati e obbligo vaccinale per tutelare bambini e famiglie.
La Regione Emilia-Romagna va avanti con la riforma dei servizi per lai??i??infanzia e va avanti con lai??i??introduzione dellai??i??obbligo vaccinale per i bambini che frequentano i nidi e gli spazi-bimbo sia pubblici sia privati.
Oggi la Commissione Scuola dellai??i??Assemblea Legislativa si A? riunita per lai??i??udienza conoscitiva durante la quale abbiamo avuto modo di ascoltare medici, operatori ed associazioni. La proposta di legge varata dalla Giunta credo vada nella giusta direzione, quella di una maggiore flessibilitAi?? organizzativa per rispondere alle esigenze delle famiglie ma anche quella di una piA? efficace tutela della salute dei bambini.
Sicuramente, infatti, la novitAi?? piA? importante e dibattuta, A? quella dellai??i??introduzione dellai??i??obbligo vaccinale contro poliomielite, difterite, tetano ed epatite B per i bimbi che frequentano i nidi e le strutture ricreative nel territorio regionale. Il progetto di legge di iniziativa della Giunta trova la condivisione e il sostegno del gruppo del Partito Democratico: lai??i??Emilia-Romagna sarebbe la prima Regione dai??i??Italia a provvedere in tal senso.Ai?? I nostri servizi sono considerati un modello in Italia e nel mondo e vogliamo confermare questo primato.
A differenza di gruppi spontanei e politici che millantano lai??i??opinabilitAi?? dellai??i??efficacia dei vaccini, possiamo solo prendere in considerazione i dati scientifici. La questione se vaccinare o meno un bambino non A? semplicemente una questione di libertAi?? individuale e di scelta: A? una questione di tutela della salute di tutta la comunitAi??, in particolare di quella infantile.
La politica non si puA? sottrarre allai??i??obiettivo di prendere decisioni che favoriscano il ritorno ad una copertura vaccinale pari ad almeno il 95%, quota che lai??i??Organizzazione Mondiale della SanitAi?? considera necessaria per garantire lai??i??immunitAi?? di gregge. A questo compito si somma quello di porre in essere tutti gli strumenti informativi necessari a rendere consapevoli e responsabili operatori e famiglie. Proprio da loro, basti pensare allai??i??attivitAi?? del gruppo Io Vaccino, rappresentata nellai??i??udienza di oggi dalla fondatrice Alice Pignatti, come di quella del dottor Roberto Burioni, Ordinario di Microbiologia e Virologia UniversitAi?? Vita-Salute San Raffaele, Milano e divulgatore scientifico, anchai??i??egli intervenuto nel dibattito, ci arriva il sostegno piA? forte ad andare avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *