2 milioni di euro per eliminare le barriere architettoniche negli edifici privati: sAi?? a tutte le richieste. Contributi a 633 famiglie.

Case senza ostacoli, in cui i disabili possano muoversi con piA? facilitAi?? e autonomia. Dalla Regione arrivano 2 milioni di euro per abbattere le barriere architettoniche in appartamenti e spazi comuni di edifici privati in cui vivono persone con disabilitAi??. CioA? quegli ostacoli, come una scala, un gradino, una rampa ripida, oppure corridoi e servizi troppo stretti, quindi inadatti a consentire un facile passaggio alle persone che utilizzano carrozzine o altri ausili.
Saranno 633 in tutta lai??i??Emilia-Romagna le famiglie che, sulla base di uno specifico bando approvato dalla Giunta, riceveranno i contributi a fondo perduto: lai??i??intervento regionale consente di soddisfare tutte le richieste presentate da chi ne aveva diritto, poi raccolte e approvate dai Comuni ed Unioni di Comuni. La Giunta ha infatti approvato la distribuzione delle risorse – provenienti dal Fondo per lai??i??eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche istituito con una legge regionale nel 2013 – che ora saranno erogate alle famiglie beneficiarie direttamente dal Comune in cui risiedono. 491 richieste riguardano persone totalmente invalide, 142 quelle con una invaliditAi?? parziale.

Rimuovere le barriere architettoniche A? una necessaria attenzione alle esigenze delle persone disabili, che hanno diritto a potersi muovere senza ostacoli. Si tratta di una condizione di base per la qualitAi?? della loro vita e per potersi rendere il piA? possibile autonomi. Mettere in atto il principio della accessibilitAi?? A? un punto importante delle nostre politiche sociali. Con il Fondo regionale da alcuni anni diamo risposte concrete alle tante persone e alle loro famiglie che hanno bisogno di essere aiutate finanziariamente per rimuovere gli ostacoli presenti nelle proprie case. Lai??i??inclusione e lai??i??integrazione sociale delle persone affette da disabilitAi?? necessita anche di questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *